Prolegomeni dal Perù

Quando mi sposto i miei pensieri cambiano di forma, si inseguono senza fine e mi danno tantissime idee diverse, ma poi quando arrivo e mi fermo scivolano via. Ancora non riesco ad essere concentrato, è come se avessi la vista fuori fuoco. Non riesco a percepirmi. Grosse boccate per respirare ogni tanto, questa è una […]

Read More Prolegomeni dal Perù

Narrative Nepalesi

Si può bloccare il pensiero? Il ragazzo dell’albergo si trascina per il pianerottolo d’ingresso: ha una vistosa fasciatura sul piede con una macchia di sangue che denota un principio di cancrena. C’è sabbia ovunque, polvere e smog, fumo. Dal tetto del palazzo si vedono: una signora anziana che spazza il pavimento del suo terrazzo, una […]

Read More Narrative Nepalesi

Cronache dal Cairo

Per un periodo considerevole la mia ossessione è stata il tempo. Il tempo inteso come sequenza di istanti, che volevo vivere fino all’ultima goccia. Esserne protagonista, dominare il tempo. Avere coscienza e controllo della scelta di istanti che faccio. Di colpo questo meccanismo si è rotto. Negli ultimi mesi ho calcolato che in una mia giornata […]

Read More Cronache dal Cairo

Kronake dal Kurdistan

Kronake dal Kurdistan Meglio un buon nome al profumo. E meglio il giorno della morte a quello della nascita. Meglio entrare in una casa in lutto, che in una dove si festeggia. Perché lì c’è la fine dell’Uomo, e questo porta alla riflessione. da QOHELET (7: 1-2). Traduzione di Michele Barbaro Il primo contatto con la […]

Read More Kronake dal Kurdistan
In evidenza

Agognate Povertà #6: Un Giorno

In mattinata avevo appuntamento con un uomo che portava vesti d’avvocato. Mi recai da lui perché ero stato oggetto di una truffa. Mi tranquillizzò, chiedendomi se avevo mai visto “Striscia la notizia”. Potevo avere in tasca qualcosa ma non ce l’avevo; decisi così di vivere l’avventura. Quel giorno compiva gli anni una persona a me […]

Read More Agognate Povertà #6: Un Giorno
In evidenza

2014

Originally posted on mestolate:
Il mio 2014, come da copione, è stato una merda. Diviso e sgretolato in tante parti, mi sveglio a gennaio con trenta gradi circa, dopo una notte passata al quattordicesimo piano di un palazzo di New Manila a guardare i razzi che quasi raggiungevano la finestra esplodendo in mille scintille rosse.…

Read More 2014